OLMEDO INCORPORA ARICAR

10 Gennaio 2019

Aricar (eccellenza Europea nell’ambito dell’emergenza su ruota) è stata incorporata da Olmedo.
L’operazione è stata formalizzata negli ultimi giorni di dicembre con efficacia al 1° gennaio 2019, data in cui la storica società di Cavriago nata nel 1951 è stata formalmente incorporata in Olmedo.

L’operazione di integrazione ha avuto quale consulente societario e fiscale lo Studio PPI & Partners di Reggio Emilia, da sempre al fianco di Olmedo per operazioni ordinarie e straordinarie.
Nel mercato in recessione dove ormai le fusioni risultano sempre più spesso step obbligati di efficientamento più che percorsi di consolidamento, quella di Aricar in Olmedo ha sì valenze anche “tecniche” ma racchiude nel profondo qualcosa di diverso, di romantico.

Tornando indietro di quasi settant’anni, infatti, il “Presidente” Olmedo Quintavalli che fondò la società Artigiani Riuniti Carrozzai (oggi Aricar), fu lo stesso a cui gli eredi Giuseppe e Luca dedicarono a distanza di quasi quarant’anni dalla morte l’azienda del Ghiardo di Bibbiano; quella Olmedo Special Vehicles che nel 2004 partendo da zero iniziò un percorso di crescita sensazionale intrecciando storie di persone cresciute insieme poi separate per scelte di vita, ad intenti di crescita volti a consolidare un intero settore: quello della carrozzeria speciale.

Processi che da quel giorno non si sono più fermati, portando la gamma di veicoli speciali ed ambulanze a quella che oggi si pone come la più completa ed innovativa del mercato nazionale ed Europeo unita a quelle caratteristiche di prodotto sanitario che da sempre la pongono per qualità, estetica, sicurezza come “La Ferrari delle ambulanze”.

L’operazione di fusione, ultimo step di una serie di investimenti iniziati nel 2016 e mirati all’unificazione di magazzini, sistemi gestionali, flussi logistici, dà seguito a quel processo industriale iniziato nel 2005 con la prima acquisizione della società (L’autonomia di Reggio Emilia), piccola per valore d’investimento, ma sintomatica del piano avviato: con la fusione di Aricar da parte di Olmedo, il gruppo ingloba da oggi una divisione sanitaria che vale circa il 40% del fatturato globale, pari a circa 50mln di euro.
Uno step necessario per consolidare quanto fatto dalla società in 15 anni, da interpretare come ulteriore tassello evolutivo di un gruppo forte di 2 distinte divisioni automotive: special vehicles (disabilità e mezzi speciali) e off-road division (fuoristrada ad uso professionale) da un lato, ambulance division (ambulanze e veicoli sanitari) dall'altro.

La società punta già all’attuazione del piano industriale recentemente presentato dal Presidente, Luca Quintavalli e dal socio nonché responsabile delle operation Giovanni Tarabelloni per il prossimo quinquennio (2019-2024).

“Abbiamo chiuso un’era. Gli anni della “reunion”, caratterizzati da sforzi umani ed economici immani volti a garantire continuità al patrimonio del nostro settore ed al know how figlio di generazioni di artigiani, può dirsi concluso. Da oggi potremo finalmente esprimere il potenziale dei nostri prodotti anche sanitari, rivisti e ridisegnati dal 2016 nel compound più esclusivo d’Europa, Aricar. Inizia la sfida al mercato globale: nessuno come noi, per storicità ed esperienza, ha mai ottenuto tanto in così poco tempo - prosegue Quintavalli - Il futuro? Siamo già concentrati sui processi che hanno l’obiettivo di completare entro il prossimo quinquennio l’integrazione di due ulteriori divisioni automotive su cui l’azienda ha già deliberato importanti investimenti”.
Non si tratta di porre la crescita come solo obiettivo imprenditoriale, quindi, ma di dar seguito a quel progetto ambizioso chiamato “carrozzeria Italia” che racchiude in un disegno visionario ma precursore dei tempi ideato nel lontano 2005, eccellenze di settore nell’ambito carrozzeria, riconosciuto in Italia come leader.

Ricordiamo infatti che Olmedo, dopo le acquisizioni di Lautonomia, Pegaso Design, Aricar, Caralis, Sora, Zanfi, Mobility Trend, ha raccolto in soli 15 anni di attività competenze, know how, esperienze di aziende e specializzazioni individuali oggi a favore del mercato globale.