PUGILATO IN PIAZZA SAN PROSPERO: QUATTRO VITTORIE PER LA TRICOLORE OLMEDO

09 Luglio 2013

REGGIO EMILIA. Quattro vittorie (di cui tre prima del limite), un pareggio e quattro sconfitte, davanti ad un pubblico come ogni anno appassionato e numeroso: è il bilancio ottenuto dai giovani pugili reggiani nel XVI Memorial Gino Bondavalli, che si è tenuto ieri sera in piazza San Prospero per l'organizzazione della Boxe Tricolore Olmedo con Sergio Cavallari e la Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia. Il primo allievo dei maestri Michael Galli e Massimo Bertozzi a salire sul ring del 'Bondavalli' per onorare la memoria del campionissimo reggiano è stato il giovanissimo Lorenzo 'Hurricane' Martinucci (limite 46 kg) opposto al cremonese Mattia Esposito: i due hanno dato vita ad un match equilibrato, con il cremonese piu aggressivo ed il reggiano sempre mobile e pronto a controbattere di rimessa; i giudici hanno decretato la vittoria di Esposito, con qualche mormorio del pubblico. Mattia De Bianchi (54 kg) contro l'esperto genovese Luca Ottonello è partito con grande convinzione dei propri mezzi, attaccando fin dal primo round con un ritmo insostenibile per l'avversario, fermato dall'arbitro nella seconda ripresa dopo aver subito un perfetto gancio sinistro. Alex Truzzi (57 kg) ha confermato ieri contro il ravennate Federico Vecchio di avere tutte le carte in regola per fare un ottimo risultato in novembre ai campionati italiani: ieri sera ha studiato l'avversario nella prima frazione per poi travolgerlo come una furia dal secondo round e mettendolo in evidente difficolta' con qualche 'gancio bomba'; netta vittoria ai punti per Truzzi, poi premiato da Luca Quintavalli della Olmedo come miglior pugile della serata. Ion 'Ivan' Grecu (60 kg) è stato protagonista con il romagnolo Simone Cecchini di un confronto intenso ed agguerrito; vittoria ai punti per il romagnolo, ma il reggiano ha confermato di avere un temperamento da leone e di poter regalare ottimi risultati in futuro alla Boxe Tricolore Olmedo. Sconfitta ai punti anche per Farouk Belhamra (64 kg) contro il genovese Matteo Ricci: il confronto è stato in equilibrio, ma due richiami ufficiali subiti dal reggiano che legava in modo non ortodosso dalla corta distanza sono risultati decisivi nel verdetto dei giudici. Ennesimo risultato positivo per Beatrice Bottazzi (57 kg) che ha pareggiato con la romagnola Ivana Balducci, dotata di un maggiore allungo: la reggiana è stata abile per tutte e tre le riprese ad invitarla a partire per poi mandarla a vuoto e rientrare con belle combinazioni, ma questo non è bastato a convincere i giudici ad assegnarle una sacrosanta vittoria. Serata storta per Martin Mukaj (75 kg) che contro il forlivense Azeglio Ferilli ha dimenticato la guardia a casa; il combattimento è stato comunque equilibrato, ma il piu incisivo avversario se lo è giustamente aggiudicato ai punti; Mukaj avra' modo di rifarsi gia la settimana prossima a Livorno. La punta di diamante della Boxe Tricolore Olmedo Eric Bondavalli (75 kg), solo omonimo del campionissimo reggiano ma con la stessa voglia di vincere, ha affrontato il piu esperto ligure Luca Capuano (33 match all'attivo contro 19): l'incontro è stato fin da subito infuocato, con scambi violenti da entrambe le parti, poi BOndavalli teleguidato dall'angolo ha iniziato a martellare Capuano col diretto sinistro per poi aprirsi la strada al destro; un perfetto gancio destro ha centrato il naso del ligure che ha iniziato a sanguinare senza sosta, tanto che gia nella seconda ripresa l'arbitro ha fermato il match. Vittoria prima del limite per il reggiano. Fuochi d'artificio finali tra i pesi supermassimi Mohamed Ibrahim, come sempre supportato dalla comunita egiziana, ed il cremonese di 116 kg Florin Udrea: il reggiano è stato molto piu mobile e veloce, andando a colpire l'avversario con efficacia e poi muovendosi ai lati come lungamente provato in palestra; anche Udrea ha cominciato a sanguinare dal naso senza sosta, ed il medico l'ha fermato all'inizio del secondo round dopo averlo gia visitato nel primo.